Tutte le novità su Art Voice Academy

In questa sezione trovi tutte le news costantemente aggiornate sulle attività dell'Academy.
Condividile attraverso i tuoi social!

100 di questi Strehler al Teatro Accademico di Castelfranco Veneto

Domenica 26 giugno Teatro Lab con un collage di Gloriana Ferlini ispirato alle regie di Strehler

100 di questi Strehler al Teatro Accademico di Castelfranco Veneto (Tv)
di Gloriana Ferlini 

Il Teatro Accademico di Castelfranco Veneto è l'insperata cornice per il debutto del saggio di fine d'anno del Laboratorio di Teatro dell'Art Voice Academy diretta dal Maestro Diego Basso.

Il titolo del saggio è “100 di questi Strehler” ed è costituito da diciannove quadri su testi del teatro classico e moderno – rivisitati, integrati e ridotti per la drammaturgia e regia di Gloriana Ferlini - che hanno come denominatore comune il fatto di essere stati oggetto di messainscena da parte del grande Maestro Giorgio Strehler.

In occasione delle celebrazioni del centenario della nascita del grande regista – una delle personalità più alte del teatro del novecento – i giovani allievi dell'Accademia di Teatro si confrontano con alcuni dei 200 testi che Strehler scelse per il repertorio di tutta una vita.

I suoi spettacoli geniali non erano mai esclusivamente dei divertissement, il suo teatro, per quanto formalmente ed esteticamente perfetto, non era mai un fatto mondano, ma valeva soprattutto da specchio, per far riflettere sugli accadimenti della storia, sulle miserie della coscienza umana, sugli errori del passato per non ripeterli nel presente.

Anche per chi scrive – e ha avuto la fortuna di crescere al Teatro con gli spettacoli di Strehler - la funzione del Teatro è politica e critica e educativa. In questo senso davvero “militante” contro la grettezza culturale, l'indifferenza e l'accidia che generano negli uomini comportamenti disumani.

Ci introduce nell'Arsenale delle Apparizioni, il Pirandelliano Mago Cotrone dei Giganti della Montagna che, saggio e elegante, ci spiega la dimensione “reale” della fantasia.

Da lì in poi vediamo sfilare lo Shakespeare del tirannico “ Riccardo III ” in duetto con Lady Anna, e l'Ariel de “ La Tempesta ” che inneggia al valore più grande: la libertà; la serva vendicativa Ponzia de “La Casa di Bernarda Alba” del poeta Federico Garcia Lorca, il servo della gleba Lopachin che si riscatta comprando “Il Giardino dei Ciliegi” di Anton Cechov; “La Vedova scaltra” di Carlo Goldoni che, femminista ante litteram, escogita sistemi per scegliersi il marito, aiutata da un Arlecchino che vuole essere una citazione.

Vediamo i piccoli allievi de l'Accademia dei Children, in un interno norvegese, vestire i panni di adulti - sconsiderati come bambini - le cui azioni meriteranno terribili conseguenze: per loro è stato ridotto il dramma di Ibsen “Il Piccolo Eyolf”.

A seguire, vediamo la scelta della moglie ebrea di “Alcesti di Samuele” di Alberto Savinio, la convivenza miserrima di due rivoluzionari comunisti in “Oplà noi viviamo” di Ernst Toller; la Maitress fantasiosa della lussuosa casa di piacere “Le Balcon” di Jan Genet; la “Moglie Ideale” di Marco Praga, a cui scappa di mano il menage a trois, le due giovani damine de “Le Smanie della Villeggiatura” di Carlo Goldoni, emblema di conformismo e consumismo.

Poi l'Accademia di Teatro si scatenerà in un baccanale anarchico, tratto da “Toller” di Dorst, dove, sotto gli occhi impotenti di un altro servo in livrea, l'estremismo genera il massacro.

L'ultima parte dello spettacolo è dedicato a cinque pieces di Brecht, autore amatissimo da Strehler.

Gli allievi dell'Accademia Teen, si produrranno in una gustosa riduzione scritta ad hoc, de “L'Opera da tre soldi”, poi avremo l'impavida “Santa Giovanna dei Macelli” trascinatrice di popolo, e in “Vita di Galileo”, allievo e maestro dialogheranno di scienza sacrilega e religione dei Padri.

Poi toccherà all'amabile Shen Te de “L'Anima buona del Sezuan” ricordarci come è difficile essere buoni ai nostri giorni, e al caro “Soldato Sveyk” ricordarci che Stalingrado è vicina, solo a 50 km, cosicché quello che vediamo non valga come immutabile, ma possa, in un futuro vicino, essere cambiato con la pace.

100 di questi Strehler 
Direzione artistica: Diego Basso
Drammaturgia e regia: Gloriana Ferlini
Costumi: Gaetano Miglioranzi
Luci: Amleto Diliberto
Sartoria: Mariuccia Stacchino

Teatro Lab
Attraverso un percorso che comprende dizione e recitazione, ginnastica dell’attore/attrice, studio dell’emotività del personaggio, storia del teatro e attraverso laboratori di gruppo ed esercitazioni individuali, si formano artisti per prepararli alla professione dell’attore e dell'attrice. Teatro Lab - Art Voice Academy